Close

La Tiella di Gaeta

E’ la regina di Mizio’s Street Food. A Roma è possibile gustarla solamente da noi in Via degli Zingari.

La Tiella di Gaeta è una specialità tipica della cittadina laziale da cui prende il nome. Dalla sua nascita ha sempre accontentato tutti, dai contadini ai pescatori fino ad arrivare ai giorni di oggi e al suo consumo tradizionale. 

Si presenta come piatto unico, una sfoglia di pasta simile alla pizza (con una lavorazione particolare, accurata e manuale) ripiena di prodotti di terra o di mare. 

Le farciture più usate sono polpi, calamaretti, scarola, spinaci, baccalà, zucchine, cipolle, alici, sarde, cozze ed tante altre varianti.

Un pò di storia

Una tipica pietanza di tradizione secolare che i contadini e i pescatori consumavano come pasto completo, in grado di conservarsi per alcuni giorni.

La storia della Tiella risale a qualche secolo fa quando la città di Gaeta era divisa in due borghi: da una parte i Borboni, dall’altra i contadini e i pescatori. Mentre i primi, ricchi e nobili, mangiavano cibi elaborati e nutrienti gli altri, la povera gente, creava pietanze con i pochi ingredienti di cui disponeva. 

La Tiella tradizionale può essere ripiena di pesce, verdure e formaggi. Per assaporarne al meglio la morbidezza e la compattezza dell’impasto, va mangiata con le mani, a spicchi, lasciando che l’olio coli tra le dita.